Site Loader
Digne les Bains

Ancora una volta non parliamo di una grande città ma di una cittadina di modeste dimensioni. Se è vero che nella botte piccola c’è il vino buono, non sempre questo detto può essere applicato al turismo, anzi, in genere è nelle città di una certa dimensione che più facilmente si trovano monumenti, arte, musei, cose da vedere.

Come arrivare a Digne les Bains

Digne, come è comunemente chiamata questa cittadina, si trova nell’Alta Provenza. Pochi chilometri la distanziano da un’altra interessante cittadina, Sisteron, chiamata “la porta della Provenza” perché costruita proprio nel punto in cui confinano due regioni francesi, il Delfinato e la Provenza.

Arrivando da nord, attraverso Gap a cui si giunge, ad esempio, da Torino passando per il Colle del Monginevro e quindi Briançon, Ebron, Gap, si arriva ad un restringimento dell’alta valle che vede la strada passare tra due stretti ed alti bastioni rocciosi.

In questo punto sorge Sisteron, d’estate spesso spazzata dal vento Mistral e per questo motivo sempre ventilata anche quando il caldo è davvero pesante. Proseguendo oltre Sisteron, non senza prima averla visitata e soprattutto aver visitato la sua Cittadella, in una decina di chilometri si arriva a Digne.

L’accesso da Nizza

Arrivando da Sud, la strada che porta a Digne parte da Nizza in direzione Noird, si inerpica tra le montagne, si superano un paio di valichi e in circa due ore di viaggio si arriva a Digne, capoluogo del dipartimento delle Alpi dell’Alta Provenza.

Questa stessa strada, oggi percorsa da veicoli a motore, auto, camion, pullman, è stata percorsa da Napoleone, di ritorno dall’esilio cui era stato condannato. La lunga marcia di Napoleone e tutto il suo percorso, oggi è ricordato chiamando la strada compiuta “Route Napoleon”.

Cosa vedere a Digne

Digne è anche ritenuta la Capitale della lavanda, essendo circondata da distese di campi coltivati con questa particolare pianta erbacea dal profumo intenso e inconfondibile con la quale si producono essenze, oli profumati, sacchetti profumatori per la biancheria, saponi e molto altro.

Il centro storico della città è dominato da una collina sulla quale sorge la Cattedrale di St Jerome che merita una visita per ammirare i suoi interni e statue e dipinti che custodisce.

Tutto il centro storico è da ammirare, molto pittoresco con le sue stradine strette pedonali che ad un certo punto con una breve salita, la salita St. Charles, conduce ad altre stradine ancora di particolare bellezza.

Il Museo Gassendi

Oltre a passeggiare per le vie del centro, sempre in questa parte antica della città, puoi ammirare il Museo Gassendi, creato negli spazi di un antico Ospizio del XVI secolo. Al suo interno si possono notare molti dipinti del XVII secolo e dei due secoli successivi ma anche opere d’arte contemporanea e animali imbalsamati, strumenti di fisica ed ottica è una sezione dedicata alla storia locale.

Una visita a questo Museo, quindi, ti conduce all’unione di storia, arte e scienza nello stesso tempo, un percorso che spesso è spezzato in musei diversi e che qui, invece, trovano l’integrazione tra loro.

Il giardino botanico

Contenuto entro le mura dell’antico Convento Francescano, in un’oasi di pace, si trova il giardino botanico. Pur in uno spazio limitato si trovano specie vegetali di tutto rispetto, fiori, piante aromatiche che donano all’ambiente un particolare profumo, verdure di antica origine e molti alberi da frutto.

Sembra di aver fatto un salto indietro nel tempo visitando il giardino botanico, in una struttura medievale e con verdure di ceppo e coltivate come nell’antico medioevo. Da non mancare.

Digne Les Bains

Nel nome della città c’è la sua attrattività principale: gli stabilimenti termali. Le acque termali sulfuree che sgorgano alla temperatura di 50 gradi sono estremamente utili per il trattamento di malattie delle vie respiratorie e reumatologiche.

Interessante la presenza nella stessa zona, all’aperto del “Plan d’eau”, un laghetto artificiale che è in realtà una piscina dissimulata, a libero accesso, alimentata in modo misto da comune acqua e da acqua termale. Un bagno in questa piscina non è solo piacevole ma anche benefico…e gratis.

Post Author: Alf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *