Site Loader
tumore al pancreas

A volte le scoperte più importanti provengono anche dalle nuove generazioni, esattamente come è avvenuto nel caso della lotta contro il cancro al pancreas. Tutto merito di Jack Andraka, un ragazzo di soli 15 anni particolarmente brillante, che è riuscito a inventare un vero e proprio test che riesce a diagnosticare precocemente un tumore al pancreas.

La tecnologia è sempre più sfruttata in campo medico, sia per migliorare la vita di tutti i giorni che in ambito medico. Anche in altri settori troviamo un impatto della tecnologia particolarmente importante: proviamo a pensare al gioco d’azzardo. Ci sono numerose piattaforme che mettono a disposizione tanti bonus vantaggiosi per gli utenti. Ci sono numerose promozioni dei migliori casino online che sono davvero molto interessanti e permettono di cominciare a giocare senza usare soldi del proprio budget.

Tumore al pancreas, una patologia sempre più diffusa in Italia

Il tumore al pancreas è un problema particolarmente sentito in Italia: le statistiche lo confermano alla perfezione, dato che sul territorio italiano sono stati registrati ben 13700 casi ogni anno. Le persone che sono state maggiormente colpite da questa patologia presentano un’età che va dai 50 fino agli 80 anni.

Questo tipo di tumore insorge nel momento in cui le cellule, nello specifico quelle che appartengono alla categoria duttile, si diffondono con ritmi estremamente intensi e senza alcun limite. I fattori di rischio sono piuttosto numerosi: quello più importante è indubbiamente il vizio del fumo. Secondo le ultime ricerche, infatti, è stato rilevato come nei fumatori le chance di ammalarsi di tumore al pancreas sono tre volte più alte.

Per il momento la ricerca in questione non ha ancora svelato né le motivazioni né i dettagli legati alla diffusione di questo tipo di tumore. Altri fattori di rischio sono strettamente legati al diabete di tipo 2, ma anche a delle specifiche malattie genetiche, piuttosto rare, come ad esempio la sindrome di von Hippel-Lindau.

Tra gli elementi secondari che possono favorire lo sviluppo di questa patologia, troviamo sicuramente un eccessivo consumo di caffè e di bevande alcoliche. Non solo, ma anche l’esposizione in ambienti di lavoro a dei solventi particolari usati in campo agricolo o industriale, ma anche l’obesità ha un ruolo molto importante nell’insorgere del tumore al pancreas.

Il vero problema di questo tipo di tumore è che non lancia alcun tipo di segnale o avvertimento durante la fase primaria della malattia. I sintomi cominciano a insorgere nel momento in cui la patologia è già giunta ad una fase piuttosto avanzata. Tra i sintomi più evidenti troviamo sicuramente la perdita di peso, nonché la perdita di appetito, ma anche ittero, importante debolezza, nausea, vomito, un dolore sordo che colpisce la parte più alta dell’addome e della schiena.

Il test inventato da Jack Andraka

Ebbene, l’ultimo novità, invece, potrebbe permettere di riconoscere in maniera precoce questa malattia. A trasmettere speranza è un giovane americano, Jack Andraka, che ha inventato un test che permette una diagnosi precoce di questo tipo di pancreas con una percentuale di precisione che si avvicina tantissimo al 100%.

Un test che ha cominciato a mettere a punto dopo aver assistito alla morte prematura di un suo amico e ha lavorato proprio per scoprire come funzionavano i sistemi di rilevazione di tale patologia negli Usa. Quando ha capito che erano vecchi e decisamente costosi, ha voluto mettere a punto un sistema proprio che permette proprio di individuare in maniera precoce tale tipologia di cancro.

Post Author: Alf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *